Il mondo a portata portata di “vita”

Intervista a cura del Direttore responsabile di Redazione Vita: Elisa Costantini

22 Nazioni, 1200 ospiti presenti, un unico tema: la difesa della vita nascente. Questa è stata la “2017 Heartbeat International Annual conference”, ovvero il convegno organizzato dall’organismo americano che gestisce tutti i Centri di Aiuto alla Vita del mondo, svoltosi lo scorso aprile in America e più esattamente a Chicago. Tra i partecipanti, anche il nostro presidente del Centro Aiuto Vita di Legnago, Giovanni Buoso.

“Per me è stata un’occasione straordinaria” racconta Giovanni. “Ero stato invitato dal Movimento per la Vita Italiano con il “compito” di studiare lo stile americano nell’organizzare un convegno di questo tipo, così da trovare nuovi spunti anche per la comunicazione italiana”.

 

E l’impressione qual è stata?

“Impossibile descrivere con le parole quanto visto in quegli intensissimi giorni: realtà completamente diverse tra loro, che neppure conoscevano l’esistenza l’una dell’altra, lavorare insieme in difesa della vita fin dal suo concepimento. I workshop sono stati tutti estremamente interessanti e devo dire che mi ha stupito notare una tale sensibilità al di là dell’Oceano nei confronti della lotta contro l’aborto. Pur essendo così distanti a livello geografico, ho trovato la stessa comunanza di intenti che respiro ogni giorno all’interno del Cav di Legnago”.

 

Quali sono gli spunti, le differenze e le opportunità che hai recepito da questo viaggio negli Usa?

“Innanzitutto ho riscontrato un’organizzazione totalmente diversa, quello che in Italia affrontiamo con grande spirito di volontariato, in America è una vera e propria professione. In questo l’Italia per certi versi ha una marcia in più per quanto riguarda la sua sensibilità disinteressata, dall’altro necessiterebbe di maggiore sostegno anche a livello economico. Inoltre, alla “Conference”, ho colto un approccio di maggior respiro nei confronti della comunicazione, intensa non solo di promozione della realtà Cav nella comunità in cui è inserita. Grande importanza, e spunto da seguire, viene dato sia alle madri e alle famiglie in difficoltà sia ai donatori, due mondi completamente diversi, ma altrettanto indispensabili per la prosecuzione dell’attività dei Centri Aiuto Vita”.

 

Come può partecipare il CAV di Legnago a questo ambizioso progetto?

“Con il lavoro quotidiano, giorno per giorno, in difesa della vita nascente. In questo modo il piccolo contributo offerto a livello locale pone un nuovo importantissimo tassello a livello globale. Una goccia da sola bagna appena, insieme con altre gocce forma il mare e così siamo un po’ anche noi”.

 

E per quanto riguarda il Movimento per la Vita Italiano. Hai qualche suggerimento da fornire?

“Credo che ormai sia sempre più indispensabile creare rete non solo a livello italiano, ma anche a livello nazionale e mondiale. Solo collaborando assieme potremo far crescere la cultura che la vita va difesa fin dal suo concepimento, che la vita va difesa sempre anche in mezzo a mille difficoltà. Noi del Cav siamo impegnati ogni giorno a farlo, ma in America ho capito che non siamo soli, siamo in tanti, dobbiamo solo imparare a far sentire più forte la nostra voce”. (e.c.)

Share this article

About Author

CAV Legnago
Login to post comments

Chi siamo

Il Centro Aiuto Vita è un'associazione di volontariato nata nel 1988 a Legnago e costituita associazione nel 1994.

La sua mission di identifica in 3 punti fondamentali

  1. Promuovere una mentalità aperta all’accoglienza e alla protezione di ogni essere umano, fin dal suo concepimento, in tutte le sue esigenze ed in tutto l’arco del suo sviluppo;
  2. Sostenere con l’aiuto concreto  a coppie ed a madri in attesa di un figlio o, comunque con figli a carico, fino a 3 anni;
  3. Sensibilizzare la comunità cristiana e la comunità civile intorno al valore primario e irripetibile di ogni vita umana

Ultimi articoli

Newsletter

Lascia la tua mail per rimanere aggiornato sulle iniziative del Centro Aiuto Vita
Privacy e Termini di Utilizzo